ACCEDI
Martedì, 25 giugno 2024 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Contraddittorio obbligatorio anche se coesiste con l’invito all’adesione

Da identificare la disciplina per gli atti emessi prima del 30 aprile 2024, in vigenza dell’art. 6-bis della L. 212/2000 e dell’art. 5-ter del DLgs. 218/97

/ Dario AUGELLO

Giovedì, 15 febbraio 2024

x
STAMPA

download PDF download PDF

Il DLgs. 219/2023 di riforma dello Statuto del contribuente, entrato in vigore il 18 gennaio 2024, ha introdotto il nuovo contraddittorio che si applica a tutte le imposte. Il nuovo art. 6-bis commi 1, 3 e 4 della L. 212/2000 prevede che il Fisco comunichi al contribuente uno “schema di atto”, assegnandogli un termine non inferiore a 60 giorni per presentare osservazioni, di cui l’Agenzia deve tenere conto nell’adozione dell’atto finale (c.d. motivazione rafforzata). In assenza del previo invio dello “schema di atto”, l’avviso di accertamento è senz’altro annullabile, senza necessità, per il contribuente, di superare la prova che, in presenza di contraddittorio, l’esito del procedimento sarebbe stato diverso (c.d. prova di resistenza).

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI
ACCEDI

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU