ACCEDI
Mercoledì, 17 aprile 2024 - Aggiornato alle 6.00

IMPRESA

Conversione in liquidazione controllata esclusa per la ristrutturazione del consumatore

Inapplicabile l’art. 70 comma 10 del CCII; il giudice resta competente a dichiarare l’apertura della liquidazione controllata

/ Chiara CRACOLICI e Alessandro CURLETTI

Mercoledì, 3 aprile 2024

x
STAMPA

download PDF download PDF

Il decreto con cui il Tribunale di Alessandria, il 30 novembre 2023, ha dichiarato inammissibile un ricorso per la conversione di un piano di ristrutturazione dei debiti del consumatore non omologato in procedura di liquidazione controllata del sovraindebitato, merita un approfondimento perché delinea i contorni della fattispecie contemplata dall’art. 70 comma 10 del DLgs. 14/2019 (Codice della crisi di impresa e dell’insolvenza, CCII, come modificato dal primo e dal secondo correttivo). Si ricorda che quest’ultima disposizione stabilisce che “in caso di diniego dell’omologazione, il giudice provvede con decreto motivato e dichiara l’inefficacia delle misure protettive accordate. Su istanza del debitore, verificata la sussistenza dei presupposti di legge,

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI
ACCEDI

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU