ACCEDI
Giovedì, 13 giugno 2024 - Aggiornato alle 6.00

IMPRESA

Confisca diretta di denaro affluito sul conto della società anche dopo il reato tributario

Le somme di denaro costituiscono comunque profitto del reato, risolvendosi in un vantaggio dato dal risparmio di spesa

/ Stefano COMELLINI

Giovedì, 15 febbraio 2024

x
STAMPA

download PDF download PDF

La confisca ex art. 12-bis del DLgs. 74/2000 delle somme di denaro affluite sul conto corrente della persona giuridica, anche successivamente alla commissione del reato tributario da parte del suo legale rappresentante, ha natura di confiscadiretta”, in quanto le stesse costituiscono comunque profitto del reato, risolvendosi in un vantaggio dato dal risparmio di spesa conseguente all’omesso versamento delle imposte. Questo il principio di diritto, prevalente nella giurisprudenza di legittimità, che si rinviene nella sentenza n. 6576 depositata ieri dalla Cassazione.

La decisione ha riguardato il ricorso avverso il provvedimento di conferma di un decreto di sequestro preventivo a fini di confisca, avente a oggetto somme di denaro rinvenute su un conto corrente intestato alla ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI
ACCEDI

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU