ACCEDI
Mercoledì, 17 aprile 2024 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Inammissibile il ricorso sull’accertamento duplicato e rinotificato

Ai fini del dies a quo vale la seconda notifica solo se il secondo atto sana il vizio di notifica del primo

/ Rebecca AMATO e Alfio CISSELLO

Mercoledì, 21 febbraio 2024

x
STAMPA

download PDF download PDF

Quando uno stesso atto impositivo viene notificato due volte e seguono avverso ciascun atto distinte impugnazioni, per stabilire le sorti delle medesime sotto il profilo del rispetto dei sessanta giorni per ricorrere occorre accertare se la seconda notificazione dell’atto impositivo sia avvenuta per sanare (o meno) l’invalidità del primo atto. Pertanto, nel caso in cui il secondo atto sani il vizio di notifica del primo atto, è il secondo atto che produce l’effetto della messa a conoscenza dell’atto da parte del destinatario, con decorrenza del termine di 60 giorni per impugnare dalla notifica del secondo.

Invece, nel caso in cui la seconda notificazione dell’atto impositivo non sia stata effettuata per sanare l’invalidità del primo atto impositivo e sia sopravvenuta ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI
ACCEDI

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU