ACCEDI
Mercoledì, 17 aprile 2024 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Il fallimento non può avere effetti preclusivi sul sequestro penale

Al curatore non si applica la deroga del «terzo estraneo»

/ Maria Francesca ARTUSI

Mercoledì, 21 febbraio 2024

x
STAMPA

download PDF download PDF

Il tema del rapporto tra sequestro penale e procedure concorsuali continua a interessare la giurisprudenza.
Sul punto si sono espresse le Sezioni Unite, con sentenza n. 40797/2023, precisando che l’avvio della procedura fallimentare non preclude il provvedimento di sequestro preventivo finalizzato alla confisca di beni attratti alla massa fallimentare per i reati tributari (si veda “Il sequestro penale prevale sul fallimento”  del 7 ottobre 2023).

Torna su questo tema la terza sezione penale della Cassazione nella pronuncia n. 7439, depositata ieri, richiamando interamente tale impostazione e respingendo il ricorso presentato dal curatore fallimentare di una srl per ottenere il dissequestro finalizzato alla confisca del profitto di un reato tributario ex art. 12-bis del DLgs.

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI
ACCEDI

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU