ACCEDI
Venerdì, 21 giugno 2024 - Aggiornato alle 6.00

IMPRESA

Danni da illecita prosecuzione dell’attività sociale imputabili ai sindaci dimissionari

Il Tribunale di Napoli ritiene che la prorogatio obblighi i sindaci ad attivarsi fino alla sostituzione

/ Maurizio MEOLI

Lunedì, 11 marzo 2024

x
STAMPA

download PDF download PDF

La sentenza n. 7881/2023 del Tribunale di Napoli – nell’analizzare le responsabilità correlate alla illecita prosecuzione dell’attività sociale in presenza di perdita del capitale sociale occultate da bilanci falsi – ribadisce la contrastata interpretazione della operatività della c.d. prorogatio in caso di dimissioni dei sindaci.
Si afferma, innanzitutto, che la ricordata prosecuzione – accumulando, sulla base di dati falsi, perdite sempre più ingenti in mancanza delle condizioni richieste – consentiva, nel caso di specie, di imputare agli amministratori un danno alla società da quantificare nella differenza tra attivo e passivo fallimentare; ciò in quanto, contrariamente a quanto stabilito dalla recente ordinanza n. 5252/2024 della Corte di Cassazione, non è stato ritenuto applicabile,  ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI
ACCEDI

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU