ACCEDI
Domenica, 23 giugno 2024

IMPRESA

Sequestro del profitto dei reati tributari privilegiato, ma comunque da motivare

La Suprema Corte analizza la misura prevista a tutela delle somme destinate all’Erario

/ Maurizio MEOLI

Giovedì, 4 aprile 2024

x
STAMPA

download PDF download PDF

La Cassazione, nella sentenza n. 13640, depositata ieri, ricapitola alcuni tra i profili più interessanti del sequestro e della confisca del profitto dei reati tributari ex art. 12-bis del DLgs. 74/2000.

Si ricorda, innanzitutto, come le Sezioni Unite della Suprema Corte abbiano stabilito che, in caso di fallimento dichiarato anteriormente alla adozione del provvedimento cautelare di sequestro preventivo, emesso nel corso di un procedimento penale relativo alla commissione di reati tributari e avente a oggetto beni attratti alla massa fallimentare, l’avvenuto spossessamento del debitore erariale per effetto dell’apertura della procedura concorsuale non è causa ostativa alla operatività del sequestro, perché i beni del fallito, sebbene acquisiti alla procedura concorsuale, non possono ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI
ACCEDI

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU