X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Domenica, 21 luglio 2019

NOTIZIE IN BREVE

Per la definizione delle liti pendenti scomputabili le somme versate in occasione del ravvedimento

/ REDAZIONE

Mercoledì, 15 maggio 2019

L’art. 6 comma 9 del DL 119/2018, in tema di definizione delle liti pendenti, stabilisce che “dagli importi dovuti ai sensi del presente articolo si scomputano quelli già versati a qualsiasi titolo in pendenza di giudizio”.

In ragione di quanto esposto, è possibile scomputare anche gli importi pagati in occasione del ravvedimento operoso (inclusa la quota di sanzioni e interessi), essendo irrilevante la circostanza che non si tratti di riscossione in pendenza di giudizio.
Così ha, in modo condivisibile, ragionato l’Agenzia delle Entrate nella risposta a interpello n. 141 pubblicata ieri.

Nel caso di specie, il ravvedimento operoso era stato disconosciuto in quanto avvenuto lo stesso giorno in cui era stato notificato l’avviso di recupero del credito d’imposta (atto oggetto di definizione).

TORNA SU