X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Lunedì, 23 settembre 2019 - Aggiornato alle 6.00

LAVORO & PREVIDENZA

Legittimo il trasferimento del dipendente da clausola di gradimento

Tra le ipotesi di incompatibilità ambientale rientra anche quella in cui il lavoratore, addetto ad un appalto, non sia gradito al committente

/ Viviana CHERCHI

Mercoledì, 21 agosto 2019

Nell’ambito del rapporto di lavoro subordinato, il lavoratore può essere soggetto al mutamento della propria sede di lavoro, in base al potere direttivo che l’art. 2086 c.c. conferisce al datore di lavoro nel rispetto, tuttavia, dei limiti previsti dalla legge e derivanti dalla contrattazione collettiva.

La disciplina del trasferimento è contenuta nell’art. 2103 c.c. che stabilisce come il lavoratore non possa essere trasferito da un’unità produttiva ad un’altra se non per comprovate ragioni tecniche, organizzative e produttive.
Le ragioni poste alla base del provvedimento devono essere effettive, esistenti al momento del trasferimento ed avere carattere oggettivo: ossia non sono ammessi trasferimenti “punitivi” o determinati da mere valutazioni soggettive.

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU