X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Domenica, 20 ottobre 2019

IL CASO DEL GIORNO

Autotutela sostitutiva non legittima per la motivazione

/ Alfio CISSELLO

Mercoledì, 9 ottobre 2019

Il ritiro di un atto impositivo e l’emanazione di uno nuovo con il quale vengono corretti vizi del primo prende il nome di “autotutela sostitutiva”. Questo potere può essere esercitato a processo pendente e addirittura dopo la formazione del giudicato.

È tuttavia necessario il rispetto di requisiti stringenti, infatti occorre che:
- siano ancora pendenti i termini di decadenza per la notifica dell’atto (ad esempio quelli dell’art. 57 del DPR 633/72 se si tratta di accertamento IVA);
- il vizio che ha causato la declaratoria di nullità sia di natura formale, come il difetto di sottoscrizione o il difetto di notifica.

Alcuna giurisprudenza ammette l’autotutela sostitutiva per il vizio di motivazione, che, a ben vedere, non può essere ritenuto formale.
Così si sono ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU