X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Domenica, 20 ottobre 2019

FISCO

Rimodulazione dell’IVA con vista su alberghi e ristoranti

Col passaggio di tali servizi all’aliquota ordinaria il gettito crescerebbe di almeno di 6,2 miliardi, ma difficilmente la modifica sarebbe senza traumi

/ Enrico ZANETTI

Mercoledì, 9 ottobre 2019

Nessun aumento delle attuali aliquote IVA del 10% e del 22%, ma una rimodulazione delle vigenti aliquote applicabili a taluni beni e servizi che non determini aggravio alcuno in termini di prelievo complessivo (né quindi, coperture finanziarie da aumenti IVA, coerentemente alla Nota di aggiornamento al DEF che non le prevede), ma consenta di reinvestire il maggior gettito delle rimodulazioni al rialzo in rimodulazioni al ribasso e nel finanziamento di meccanismi di incentivazione all’utilizzo della moneta elettronica.

Le parole usate in questi giorni dal Ministro dell’Economia, Roberto Gualtieri, sono molto chiare e, con un po’ di dimestichezza con i numeri aggregati delle dichiarazioni IVA, consentono di avere un quadro abbastanza preciso di ciò in cui potrebbero tradursi

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU