X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Lunedì, 21 ottobre 2019 - Aggiornato alle 6.00

IL CASO DEL GIORNO

Autotutela sostitutiva non legittima per la motivazione

/ Alfio CISSELLO

Mercoledì, 9 ottobre 2019

Il ritiro di un atto impositivo e l’emanazione di uno nuovo con il quale vengono corretti vizi del primo prende il nome di “autotutela sostitutiva”. Questo potere può essere esercitato a processo pendente e addirittura dopo la formazione del giudicato.

È tuttavia necessario il rispetto di requisiti stringenti, infatti occorre che:
- siano ancora pendenti i termini di decadenza per la notifica dell’atto (ad esempio quelli dell’art. 57 del DPR 633/72 se si tratta di accertamento IVA);
- il vizio che ha causato la declaratoria di nullità sia di natura formale, come il difetto di sottoscrizione o il difetto di notifica.

Alcuna giurisprudenza ammette l’autotutela sostitutiva per il vizio di motivazione, che, a ben vedere, non può essere ritenuto formale.
Così si sono ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU