X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Martedì, 2 giugno 2020 - Aggiornato alle 6.00

NOTIZIE IN BREVE

Nelle cartelle di Agenzia delle Entrate-riscossione arriva pagoPA al posto del bollettino RAV

/ REDAZIONE

Mercoledì, 9 ottobre 2019

x
STAMPA

Nelle cartelle di Agenzia delle entrate-Riscossione arriva pagoPA, il sistema dei pagamenti realizzato dallo Stato e gestito dalla nuova società pagoPA spa nell’ambito dell’attuazione dell’Agenda digitale Italiana. Il nuovo modulo di pagamento pagoPA sostituirà gradualmente il bollettino RAV. Lo ha reso noto Agenzia delle Entrate-Riscossione con un comunicato.

Il nuovo modulo – spiega l’Agenzia – permette di trovare rapidamente le informazioni, di aggiornare l’importo dovuto alla data del versamento e include il QR code per pagare anche con smartphone. Come con il bollettino RAV, si può pagare on line oppure in posta, banca, nelle tabaccherie e in tutti gli altri canali aderenti al nodo pagoPa, portando il modulo di pagamento inserito in cartella.
I bollettini RAV collegati a comunicazioni già inviate (ad esempio per la “rottamazione-ter” delle cartelle) potranno continuare a essere utilizzati per il pagamento. Lo stesso vale per quelle comunicazioni che verranno ancora inviate con i RAV fintanto che non si concluderà la fase di passaggio a pagoPA.

Nel dettaglio, il modulo di pagamento pagoPA che l’Agenzia sta inviando con le cartelle è riconoscibile dal logo “pagoPA” e contiene due sezioni da utilizzare alternativamente in base al canale di pagamento scelto: una per “Banche e altri canali”, con un QR code e un codice CBILL, e una per i pagamenti presso “Poste Italiane” caratterizzato dal riquadro Data Matrix. L’elemento essenziale è costituito dal codice modulo di pagamento di 18 cifre che consente il collegamento alla cartella o all’atto ricevuto.
I contribuenti possono continuare a utilizzare i canali di pagamento fisici e telematici attualmente abilitati versando l’importo dovuto con carta di credito o di debito, addebito in conto corrente o con le altre modalità previste. 

TORNA SU