X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Venerdì, 14 agosto 2020 - Aggiornato alle 6.00

IL CASO DEL GIORNO

Contributo addizionale se la proroga del contratto a termine muta la causale

/ Elisa TOMBARI

Giovedì, 13 febbraio 2020

x
STAMPA

download PDF download PDF

Nel riscrivere la disciplina del contratto di lavoro a termine prevista dagli artt. 19 e ss. del DLgs. 81/2015, il c.d. “decreto dignità” (DL 87/2018, conv. L. 96/2018) ha reso più complicato il ricorso a tale tipologia contrattuale.

Infatti, oltre ad aver ridotto, da 36 a 24 mesi, la durata massima complessiva dei rapporti in esame, il modificato art. 19 del DLgs. 81/2015 prevede ora l’obbligo di indicare almeno una causale, tra quelle introdotte dalla legge (esigenze temporanee e oggettive estranee all’ordinaria attività; esigenze sostitutive di altri lavoratori; esigenze connesse a incrementi temporanei, significativi e non programmabili dell’attività ordinaria), qualora il contratto a termine abbia una durata iniziale superiore a 12 mesi o superi tale limite

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU