X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Martedì, 29 settembre 2020 - Aggiornato alle 6.00

IMPRESA

La mancata richiesta del compenso da amministratore non equivale a rinuncia

La Cassazione ha stabilito che occorrono circostanze esteriori idonee ad attribuire tale significato

/ Maurizio MEOLI

Venerdì, 14 febbraio 2020

x
STAMPA

download PDF download PDF

La rinuncia al compenso da parte dell’amministratore può trovare espressione in un comportamento concludente del titolare che riveli in modo univoco una sua volontà dismissiva del relativo diritto; a tal fine è pertanto necessario che l’atto abdicativo si desuma non dalla semplice mancata richiesta dell’emolumento, quali che ne siano le motivazioni, ma da circostanze esteriori che conferiscano un preciso significato negoziale al contegno tenuto.
È questo il principio di diritto sancito dalla Cassazione, nella sentenza n. 3657, depositata ieri, cassando la decisione della competente Corte d’Appello, che aveva desunto la rinuncia ai compensi da parte di un amministratore di srl dalla mancata richiesta degli stessi motivata dal convincimento che anche gli altri componenti

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU