X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Lunedì, 28 settembre 2020 - Aggiornato alle 6.00

IMPRESA

Regolamentata la conservazione documentale antiriciclaggio dei soggetti vigilati

La Banca d’Italia detta disposizioni specifiche per la conservazione e l’utilizzo dei dati

/ Luciano DE ANGELIS e Christina FERIOZZI

Giovedì, 26 marzo 2020

x
STAMPA

download PDF download PDF

La Banca d’Italia ha pubblicato ieri sul proprio sito le “Disposizioni per la conservazione e la messa a disposizione dei documenti, dei dati e delle informazioni per il contrasto del riciclaggio e del finanziamento del terrorismo” al fine di dare attuazione, in linea con la normativa europea, all’art. 34, comma 3 del DLgs. 231/2007, come modificato dal DLgs. n. 90/2017, di recepimento della direttiva Ue 2015/849 (c.d. quarta direttiva antiriciclaggio) e, da ultimo, dal DLgs. n. 125/2019. Le disposizioni entreranno in vigore decorsi 15 giorni dalla pubblicazione in G.U. I destinatari si adeguano alle disposizioni entro il 31 dicembre 2020.

La legge antiriciclaggio ha, da un lato, abrogato l’obbligo per gli intermediari di registrare i dati relativi alle operazioni ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU