X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Sabato, 6 giugno 2020 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Nuova disciplina delle lettere di intento applicabile solo dal 2 marzo 2020

La sospensione degli adempimenti tributari non comprende la trasmissione delle dichiarazioni di intento

/ Mirco GAZZERA

Mercoledì, 8 aprile 2020

x
STAMPA

download PDF download PDF

Le novità previste dal DL 34/2019 in materia di dichiarazioni di intento si applicano a decorrere dal 2 marzo 2020; inoltre, è opportuno che l’esportatore abituale continui a fare pervenire al fornitore una copia della dichiarazione d’intento, seppure non sia più obbligatorio. Si tratta di due dei principali chiarimenti forniti da Assonime nella circolare n. 4 pubblicata ieri, 7 aprile 2020.

L’art. 12-septies del DL 34/2019 (conv. L. 58/2019) ha eliminato, fra l’altro, l’obbligo dell’esportatore abituale di consegnare o inviare al proprio fornitore la dichiarazione di intento, unitamente alla ricevuta di trasmissione rilasciata dall’Agenzia delle Entrate. A partire dal 2 marzo 2020, il provv. Agenzia delle Entrate n. 96911/2020 ha stabilito che le informazioni ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU