X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Sabato, 15 agosto 2020 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Ammesso il rimborso di quanto pagato a seguito di accertamento inoppugnato

La Corte di Giustizia valorizza i principi di effettività e di proporzionalità

/ Alice BOANO e Alfio CISSELLO

Venerdì, 3 luglio 2020

x
STAMPA

download PDF download PDF

La Corte di Giustizia ha reso ieri un’importante sentenza, relativa alla causa C-835/18, riguardante un caso di rimborso scaturente da somme pagate a seguito di accertamento non impugnato.

I giudici hanno affermato che i principi di neutralità, effettività e proporzionalità non possono essere compressi in ragione del fatto che l’accertamento non possa più essere intaccato in quanto non oggetto di impugnazione se si è in presenza di un mutamento del quadro dopo la proposta di recupero tale da configurare in modo diverso il presupposto della rettifica. 
E ciò, si badi bene, per quanto emerge dalla sentenza quand’anche si tratti di un fatto non sopravvenuto, ma conoscibile all’epoca dell’accertamento.

Nella specie, la normativa nazionale rumena è contraria al diritto ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU