X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Lunedì, 18 gennaio 2021 - Aggiornato alle 6.00

LAVORO & PREVIDENZA

Differenze di genere dentro il documento di valutazione dei rischi

Il datore di lavoro può concordare iniziative, di natura informativa e formativa, per prevenire le molestie sessuali nei luoghi di lavoro

/ Mario PAGANO

Mercoledì, 25 novembre 2020

x
STAMPA

download PDF download PDF

Il fenomeno delle molestie sessuali nei luoghi di lavoro può rappresentare un rischio che il datore di lavoro deve valutare nell’ambito del DVR. Questo è uno degli spunti che emerge dal parere n. 1028 dello scorso 23 novembre, con il quale la Direzione Centrale coordinamento giuridico dell’Ispettorato nazionale del Lavoro (INL) ha dato riscontro a specifico quesito formulato circa il trattamento sanzionatorio previsto dal DLgs. 198/2006 in materia di molestie e molestie sessuali.

I commi 1 e 2 dell’art. 26 del menzionato DLgs. 198/2006 qualificano come discriminazioni rispettivamente le molestie e le molestie sessuali, ovvero “quei comportamenti indesiderati a connotazione sessuale, espressi in forma fisica, verbale o non verbale, aventi lo scopo o l’effetto di

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU