X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Lunedì, 25 ottobre 2021 - Aggiornato alle 6.00

IMPRESA

Il credito contestato passa al socio superstite che cancella la società di persone

La mancata ricostituzione della pluralità dei soci rileva solo ai fini dello scioglimento

/ Maurizio MEOLI

Giovedì, 14 ottobre 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

La mancata ricostituzione della pluralità dei soci, ex art. 2272 n. 4 c.c., rappresenta un fatto rilevante solo in funzione dello scioglimento della società di persone, con conseguente cancellazione dal Registro delle imprese da parte dell’unico socio superstite, ma, in sé, non concretizza altresì la volontà di rinunciare a crediti che, al momento della cancellazione, erano oggetto di contestazione in sede giudiziaria e la cui titolarità dal lato attivo è acquisita, per successione, dal socio superstite.
Ad affermarlo è la Cassazione nell’ordinanza n. 27894, depositata ieri, sulla scia di quanto già stabilito dalla pronuncia n. 9464/2020.

Si ricorda come, in un primo intervento (Cass. n. 16758/2010), un ruolo determinante sia stato giocato dal mancato esercizio dell’azione in

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU