Chiudi senza accettare

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili ad avere un'esperienza di navigazione migliorata e funzionale al tipo di dispositivo utilizzato, secondo le finalità illustrate nella Cookie Policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, puoi farlo in qualsiasi momento selezionando Gestisci le preferenze.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 18 maggio 2022 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Imposta di registro proporzionale sul mutuo dissenso di compravendita

Si rafforza la tesi del retrocontratto, che porta l’Agenzia delle Entrate a ipotizzare un nuovo trasferimento uguale e contrario al precedente

/ Anita MAURO

Mercoledì, 19 gennaio 2022

x
STAMPA

download PDF download PDF

Il contratto di mutuo dissenso, con cui le parti del precedente contratto di compravendita immobiliare sciolgono, senza corrispettivo, il precedente accordo, sconta l’imposta di registro proporzionale, configurando un retrocontratto che determina un trasferimento di segno uguale e contrario a quello realizzato dal contratto risolto.

Lo ribadisce l’Agenzia delle Entrate nella ris. n. 3, pubblicata ieri, con la quale l’Amministrazione recepisce i chiarimenti di recente già forniti nelle risposte nn. 439/2019 e 41/2019 e l’orientamento espresso dalla Corte di Cassazione nelle pronunce nn. 24506/2018 e 5745/2018.

Nel caso di specie, le parti, dopo aver stipulato un contratto di compravendita immobiliare, si rendevano conto che l’INPS (l’acquirente era un dipendente

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU