Chiudi senza accettare

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili ad avere un'esperienza di navigazione migliorata e funzionale al tipo di dispositivo utilizzato, secondo le finalità illustrate nella Cookie Policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, puoi farlo in qualsiasi momento selezionando Gestisci le preferenze.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Venerdì, 1 luglio 2022 - Aggiornato alle 6.00

IL PUNTO / PROCEDURE CONCORSUALI

Conti speciali per beni gravati da prelazione

Il curatore deve tenere conti autonomi al fine di determinare il netto distribuibile ai creditori

/ Saverio MANCINELLI

Giovedì, 23 giugno 2022

x
STAMPA

download PDF download PDF

L’art. 111-ter del RD 267/42, titolato “Conti speciali”, assume particolare importanza nel sistema concorsuale, ponendo una distinzione nel sistema distributivo, data l’esistenza di prelazioni che operano: sul ricavato immobiliare (ipoteche e privilegi immobiliari); sul ricavato mobiliare (pegni e privilegi mobiliari); prima su una massa e in via sostitutiva sull’altra (privilegi mobiliari con garanzia sussidiaria sugli immobili).

Tale norma individua, al primo comma, il realizzo immobiliare (cioè la massa liquida attiva immobiliare, costituita dalle somme ricavate dalla liquidazione dei beni immobili, come definiti dall’art. 812 c.c. e dei loro frutti, maturati anche nel corso del fallimento e delle pertinenze, nonché dalla quota proporzionale di interessi ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU