Chiudi senza accettare

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili ad avere un'esperienza di navigazione migliorata e funzionale al tipo di dispositivo utilizzato, secondo le finalità illustrate nella Cookie Policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, puoi farlo in qualsiasi momento selezionando Gestisci le preferenze.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 30 giugno 2022 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Esenzione IVA e aliquota del 10% più estese nel settore sanitario

Il DL Semplificazioni fiscali introduce le agevolazioni per le prestazioni rese da istituti non convenzionati

/ Corinna COSENTINO

Venerdì, 24 giugno 2022

x
STAMPA

download PDF download PDF

Le prestazioni di ricovero e cura rese da istituti sanitari non convenzionati vanno assoggettate all’aliquota IVA del 10%. Inoltre, le prestazioni di carattere più strettamente sanitario acquistate da tali enti in regime di esenzione presso terzi, e fornite nell’ambito di una più ampia prestazione di ricovero e cura ai pazienti ricoverati, beneficiano a loro volta al regime di esenzione IVA, pur nel rispetto di determinati limiti e condizioni.
Sono queste alcune delle novità che emergono dall’art. 18 del DL 73/2022, c.d. DL “Semplificazioni fiscali”.

Il legislatore è intervenuto in primis sull’art. 10 n. 18) del DPR 633/72, riguardante l’esenzione IVA per le prestazioni sanitarie. Tale disposizione stabilisce che sono esenti da imposta le prestazioni ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU