Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Lunedì, 6 febbraio 2023 - Aggiornato alle 6.00

IMPRESA

Incerto il giuramento decisorio deferito al curatore fallimentare

La Cassazione rimette alle Sezioni Unite anche i dubbi sulla prescrizione del credito professionale

/ Antonio NICOTRA

Sabato, 12 novembre 2022

x
STAMPA

download PDF download PDF

Con ordinanza interlocutoria n. 33400 di ieri, la Cassazione ha rimesso al Primo Presidente, per l’eventuale assegnazione alle Sezioni Unite, alcune questioni interpretative in materia di prescrizione del credito professionale e giuramento decisorio deferito al curatore fallimentare.

L’orientamento dominante in giurisprudenza osserva che, nel giudizio di opposizione allo stato passivo, il curatore, in quanto terzo rispetto al fallito e privo della capacità di disporre del diritto controverso, non può essere sollecitato alla confessione con interrogatorio formale per vicende solutorie dell’obbligazione dedotta in giudizio, né ad esso è deferibile il giuramento decisorio (tra le altre, Cass. nn. 15570/2015 e 12044/2020; contra, Cass. 27 giugno 2022 n. 20602).

La Suprema Corte ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU