ACCEDI
Martedì, 21 maggio 2024 - Aggiornato alle 6.00

IMPRESA

A rischio fallimento la trasformazione della società in comunione d’azienda

Fallimento entro l’anno dalla cancellazione della società dal Registro delle imprese

/ Antonio NICOTRA

Mercoledì, 29 marzo 2023

x
STAMPA

download PDF download PDF

La Corte di Cassazione, con l’ordinanza n. 8680 di ieri, ha ribadito il principio secondo il quale la trasformazione eterogenea di una società di capitali in comunione di azienda, ai sensi dell’art. 2500-septies c.c., non preclude la dichiarazione di fallimento della società entro un anno dalla sua cancellazione dal Registro delle imprese, trattandosi di un fenomeno successorio tra soggetti distinti (Cass. n. 16511/2019).

A sostegno di tale conclusione, si è osservato che, mentre la trasformazione di una società da un tipo a un altro, anche se connotato da personalità giuridica, costituisce una vicenda evolutivo-modificativa del medesimo soggetto giuridico che non produce alcun effetto successorio ed estintivo, la trasformazione di una società in un’impresa individuale o viceversa ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI
ACCEDI

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU