ACCEDI
Lunedì, 22 luglio 2024 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Servizi di trasporto non sempre inclusi nel valore in dogana dei beni importati

La Corte di Giustizia Ue si è pronunciata sul regime probatorio per fruire dell’esenzione IVA

/ Mirco GAZZERA

Martedì, 19 settembre 2023

x
STAMPA

download PDF download PDF

Ai fini del regime di “esenzione” IVA relativo ai servizi di trasporto connessi all’importazione di beni, se la merce introdotta nell’Ue è trasferita in un altro Stato membro, la registrazione dell’importazione non comporta, di per sé, l’inclusione delle predette spese di trasporto nella base imponibile IVA della merce importata.

Uno Stato membro non può negare automaticamente la citata “esenzione” IVA, solo perché il soggetto passivo non ha presentato i documenti prescritti dalla normativa nazionale, qualora lo stesso produca altri documenti, da ritenere autentici e affidabili, che dimostrino la sussistenza delle condizioni necessarie per l’esenzione.
Si tratta di quanto sancito, in materia di IVA, dalla Corte di Giustizia dell’Ue nella ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI
ACCEDI

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU