ACCEDI
Mercoledì, 29 maggio 2024 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Redditi non percepiti dal socio accomandante di nuovo al vaglio della Consulta

I giudici di primo grado di Udine mettono in dubbio che la mera produzione del reddito faccia scattare il recupero per il socio

/ Alice BOANO

Sabato, 20 aprile 2024

x
STAMPA

download PDF download PDF

La Corte di Giustizia tributaria di primo grado di Udine riporta all’attenzione della Corte Costituzionale la questione della trasparenza fiscale senza redditi percepiti.
L’ordinanza n. 53, pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale Serie Speciale - Corte Costituzionale n. 15 del 10 aprile 2024, rileva la non manifesta infondatezza e la rilevanza della questione di legittimità costituzionale sollevata con riferimento all’art. 5 comma 1 del TUIR nella parte in cui attribuisce i redditi della società in accomandita semplice ai soci accomandanti indipendentemente dalla loro percezione.

La ricorrente, persona fisica e socia accomandante, aveva impugnato un avviso di accertamento per maggior reddito prodotto, secondo lo stesso avviso, dalla società in accomandita, di cui socio accomandatario ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI
ACCEDI

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU