ACCEDI
Sabato, 20 luglio 2024 - Aggiornato alle 6.00

NOTIZIE IN BREVE

In arrivo la stretta sui mercati delle cripto-attività

/ REDAZIONE

Martedì, 25 giugno 2024

x
STAMPA

Nella riunione di ieri, il Consiglio dei Ministri ha approvato, in esame preliminare, un decreto legislativo che provvede ad adeguare la normativa nazionale alle disposizioni del Regolamento Ue 2023/1114, relativo ai mercati delle cripto-attività e che modifica i regolamenti Ue 1093/2010 e 1095/2010 e le direttive 2013/36 e 2019/1937.

Come si legge nel comunicato stampa di Palazzo Chigi, il decreto individua la Banca d’Italia e la Consob quali autorità competenti a esercitare i poteri autorizzatori (ai fini dell’emissione, dell’offerta al pubblico e della richiesta di ammissione alla negoziazione dei token, nonché ai prestatori di servizi per le cripto-attività), di vigilanza, di indagine e sanzionatori previsti dal regolamento.
Inoltre, il testo contiene la disciplina di armonizzazione minima applicabile a tutti gli operatori in cripto-attività, le discipline speciali applicabili a singole categorie di operatori, il regime sanzionatorio e le disposizioni di coordinamento.

Stando a una bozza di testo circolata, è articolato il capitolo sanzioni, sia penali che amministrative. Sul fronte penale sarebbe prevista la reclusione da 6 mesi a 4 anni, con multa da 2.066 a 10.329 euro, per chiunque presti servizi per le cripto-attività, offra al pubblico token o emetta token di moneta elettronica in violazione del regolamento europeo.
Sanzioni amministrative da 5.000 euro a 5 milioni riguarderebbero invece l’abuso, la comunicazione illecita di informazioni privilegiate e la manipolazione del mercato. In caso di violazione delle regole da parte di propri rappresentanti e amministratori gli enti verrebbero ritenuti responsabili e quindi multati da 30 mila euro a 15 milioni.
Arriverebbero infine a 5 milioni (da 30 mila euro a 5 milioni per le persone giuridiche e da 5 mila euro a 5 milioni per le persone fisiche) le sanzioni per omessa collaborazione o mancato seguito dato nell’ambito di un’indagine, un’ispezione o una richiesta.

TORNA SU