X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Lunedì, 6 aprile 2020 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Modelli Intrastat servizi: non facili le esclusioni

Negli elenchi non vanno indicate le prestazioni dei servizi che nello Stato di destinazione godono di regimi di non imponibilità o esenzione

/ Sandro CERATO

Giovedì, 18 marzo 2010

Tra le numerose novità che interessano la compilazione dei modelli Intrastat, vi sono alcuni aspetti “critici” che l’operatore deve tenere in debita considerazione, soprattutto in relazione alla corretta individuazione dei servizi soggetti all’obbligo di “listing”.
Infatti, l’art. 50, comma 6, del DL 331/93, oltre a prevedere l’obbligo di inserire nei modelli Intra le prestazioni di servizi di cui all’art. 7-ter del DPR 633/72 (ossia quelle “generiche”) rese nei confronti di soggetti passivi stabiliti in altri Stati UE, ovvero ricevute da detti soggetti passivi, prevede specifiche ipotesi di esclusione.

Si tratta in particolare delle prestazioni di servizi di cui agli artt. 7-quater e 7-quinquies, del DPR 633/72 (servizi contemplati ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU