X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Venerdì, 21 gennaio 2022 - Aggiornato alle 6.00

LAVORO & PREVIDENZA

Si allargano le tutele per i collaboratori

Il cosiddetto «collegato lavoro» amplia le tutele riconosciute ai lavoratori, oltre a modificare la procedura relativa al contenzioso

/ Francesca TOSCO

Mercoledì, 31 marzo 2010

x
STAMPA

Dal cosiddetto “collegato lavoro” alla manovra finanziaria (il Ddl. 1167-B, ancora in attesa della pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale) derivano novità anche per i collaboratori coordinati e continuativi, con o senza progetto.

In primo luogo, l’art. 48, comma 7, di tale provvedimento amplia la nozione di “collaborazioni coordinate e continuative occasionali” o “mini co.co.co.”, di cui all’art. 61, comma 2, del DLgs. 276/2003.
Ferma restando, infatti, la condizione che il compenso complessivamente percepito dal collaboratore, nello stesso anno solare e da parte del medesimo committente, non sia superiore a 5.000 euro, con la nuova norma vengono fatte rientrare nella suddetta nozione – con conseguente esclusione dall’ambito applicativo della ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU