X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Venerdì, 21 gennaio 2022 - Aggiornato alle 6.00

LAVORO & PREVIDENZA

Collegato lavoro: alla Camera, Governo battuto sull’arbitrato

Ieri, per un solo voto, è passato l’emendamento del Pd. In serata, però, è stata approvata la richiesta del relatore Cazzola di accantonare l’articolo 31

Giovedì, 29 aprile 2010

x
STAMPA

Ieri il Governo è stato battuto alla Camera per un solo voto (225 sì e 224 no) su un emendamento del Pd al Ddl. C1441 quater-E, cosiddetto “collegato lavoro”, che era stato rinviato alle Camere dal Presidente della Repubblica.
L’emendamento che è passato, di cui è primo firmatario Cesare Damiano, si riferisce all’art. 31 del testo, relativo alle procedure di conciliazione e di arbitrato, e in particolare alle clausole compromissiorie.

Molte le assenze tra le fila del Pdl: 95 su 269 deputati non erano presenti in aula al momento della votazione. Tra di loro 45 erano in missione, e quindi giustificati, compreso il capogruppo Fabrizio Cicchitto, mentre altri 50 erano ingiustificati, tra cui il vicegruppo Italo Bocchino. Per la Lega mancavano 11 parlamentari, 8 dei quali in ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU