ACCEDI
Venerdì, 12 luglio 2024 - Aggiornato alle 6.00

IL CASO DEL GIORNO

I redditi da diritto d’autore in ordine sparso

/ Lelio CACCIAPAGLIA e Patrizia MARRA

Lunedì, 5 luglio 2010

x
STAMPA

In linea di principio i redditi derivanti dallo sfruttamento del diritto d’autore da parte dell’autore costituiscono, ai sensi dell’art. 53, comma 2, lett. b), del TUIR, redditi assimilati a quelli di lavoro autonomo e sono tassati, a seconda dell’età dell’autore al momento dell’incasso, sul 75% dell’ammontare ovvero sul 60% dell’ammontare se l’autore stesso ha meno di 35 anni.

Più precisamente, ai sensi del successivo art. 54, comma 8, tali redditi sono costituiti dall’ammontare dei proventi in denaro o in natura percepiti nel periodo di imposta, anche sotto forma di partecipazione agli utili, ridotto del 25% a titolo di deduzione forfetaria delle spese e al 40% per gli autori di età inferiore ai 35 anni (Modello Unico PF – rigo RL25). ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI
ACCEDI

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU