X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 21 agosto 2019 - Aggiornato alle 6.00

IL CASO DEL GIORNO

Il socio accomandante che si ingerisce nella gestione deduce tutte le perdite

/ Lelio CACCIAPAGLIA e Patrizia MARRA

Martedì, 24 agosto 2010

Alle perdite derivanti dalla partecipazione in società in nome collettivo e in accomandita semplice si applicano le disposizioni del comma 2 dell’art. 8 del TUIR il quale stabilisce, tra l’altro, che le perdite delle snc e in sas si sottraggono per ciascun socio o associato nella proporzione di cui all’art. 5, ossia in base alla rispettiva quota di partecipazione agli utili, la quale, come noto, può anche non coincidere, per patti sociali, con la quota di partecipazione al capitale.

Il predetto art. 8, inoltre, stabilisce che le perdite delle società in accomandita semplice eccedenti l’ammontare del capitale sociale sono deducibili soltanto da parte dei soci accomandatari. Le perdite in argomento sono quindi ammesse in deduzione, nella misura corrispondente al rapporto

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU