X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 12 dicembre 2019 - Aggiornato alle 6.00

IL CASO DEL GIORNO

La richiesta di ipoteca o sequestro del Fisco deve essere precisa e dettagliata

/ Alfio CISSELLO

Mercoledì, 25 agosto 2010

L’art. 22 del DLgs. n. 472/97, ora esteso anche alle somme per l’imposta ad opera del DL 185/2008, consente agli Uffici finanziari di chiedere alla Commissione tributaria provinciale l’autorizzazione all’iscrizione di ipoteca o al sequestro conservativo dei beni del contribuente, sulla base dell’avviso di accertamento o addirittura del processo verbale di constatazione.

A tal fine, l’istante (si tratta, in sostanza, di un processo “rovesciato”, ove il ricorso è proposto dall’ente creditore e la difesa spetta al contribuente) deve dimostrare la verosimiglianza della pretesa e il pericolo di dispersione dei beni del debitore.
Ovviamente, le misure cautelari eventualmente autorizzate dal giudice seguono le sorti dell’atto in base al quale ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU