X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Venerdì, 27 novembre 2020 - Aggiornato alle 16.30

IL CASO DEL GIORNO

Per le liquidazioni deliberate nel 2010 bilancio unico, ma dichiarazioni separate

/ Gianluca ODETTO

Venerdì, 18 marzo 2011

x
STAMPA

Nel corso del 2010 si è assistito con una certa frequenza alla messa in liquidazione di società la cui situazione patrimoniale non consentiva più la prosecuzione dell’attività imprenditoriale.

Nei contesti societari di piccola o media dimensione lo scioglimento anticipato avviene solitamente con una deliberazione dell’assemblea in sede straordinaria che nomina contestualmente il liquidatore (che nella maggior parte dei casi è l’ex amministratore della società), assemblea effettuata prima che le perdite abbiano eroso il capitale in modo tale da obbligare ad attivare i procedimenti di ricapitalizzazione previsti dal codice civile.
In questi casi, il periodo che intercorre tra l’iscrizione della nomina dei liquidatori e la fine dell’esercizio sociale costituisce il ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU