X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Lunedì, 21 ottobre 2019 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

La Cassazione amplia l’autotutela di «secondo grado»

A processo instaurato, l’Ufficio può «revocare» l’atto cambiando totalmente la motivazione, e il giudizio si estingue

/ Alfio CISSELLO

Sabato, 22 ottobre 2011

I provvedimenti di autotutela, per così dire, “a favore” dell’Amministrazione finanziaria, comportano molti problemi operativi, che si complicano ulteriormente se il contribuente ha già impugnato il primo provvedimento impositivo (si veda “Accertamento «ridotto», non viene meno l’acquiescenza” del 14 marzo 2011).

La questione è la seguente: l’Ufficio emana un accertamento, dopodiché, resosi conto di un vizio che ne potrebbe cagionare l’annullamento in sede processuale, lo annulla e ne riemette uno nuovo.
Per prima cosa, occorre ricordare che ciò è possibile se non sono ancora spirati i termini di decadenza dal potere di accertamento, posto che il loro decorso costituisce un limite invalicabile all’autotutela.
Detto ciò, schematizzando, possono ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU