X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 21 ottobre 2021 - Aggiornato alle 6.00

LAVORO & PREVIDENZA

CIGS: la mancata rotazione dei lavoratori va sempre comunicata

Procedura illegittima se il datore non comunica ai sindacati i criteri di individuazione dei lavoratori da sospendere nonché le modalità di rotazione

/ Luca MAMONE

Martedì, 25 ottobre 2011

x
STAMPA

download PDF download PDF

In caso di intervento straordinario di integrazione salariale per l’attuazione di un programma di ristrutturazione, riorganizzazione o conversione aziendale che implichi una temporanea eccedenza di personale, il provvedimento di sospensione dell’attività lavorativa è illegittimo qualora il datore di lavoro – che intenda o meno adottare il meccanismo della rotazione – ometta di comunicare alle organizzazioni sindacali, ai fini dell’esame congiunto, gli specifici criteri, eventualmente diversi dalla rotazione, di individuazione dei lavoratori che devono essere sospesi. Lo ha ribadito la Corte di Cassazione con la sentenza n. 22036 di ieri, 24 ottobre 2011.

Nel caso di specie, la Corte d’Appello, confermando quanto deciso in primo grado, dichiarava illegittima la collocazione ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU