X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 23 maggio 2019 - Aggiornato alle 6.00

IL CASO DEL GIORNO

Richiesta di prelazione anche non contestuale

/ Maurizio MEOLI

Giovedì, 11 ottobre 2012

Ai sensi dell’art. 2441 comma 3 c.c., coloro che esercitano il diritto di opzione, purché ne facciano contestuale richiesta, hanno diritto di prelazione nell’acquisto delle azioni e delle obbligazioni convertibili in azioni che siano rimaste inoptate.

A fronte di tale dato letterale, si tende comunque a ritenere legittima una richiesta di prelazione non contestuale all’esercizio del diritto di opzione.
Il Tribunale di Torino, in particolare, nella sentenza 23 marzo 2004, ha affermato che, in caso di aumento, anche inscindibile, a pagamento del capitale di una spa, la richiesta di prelazione sulle azioni inoptate da parte dei sottoscrittori può essere fatta anche non contestualmente all’esercizio del diritto di opzione sui titoli di propria spettanza, avendo le ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU