X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 1 dicembre 2021 - Aggiornato alle 6.00

PROFESSIONI

Elezioni, Siciliotti avanti ma Longobardi contesta la validità di 16 voti

Stando ai dati ufficiosi, Siciliotti avrebbe ottenuto 364 voti contro i 358 di Longobardi, secondo cui Bari ed Enna non avrebbero potuto votare

/ Savino GALLO

Martedì, 16 ottobre 2012

x
STAMPA

download PDF download PDF

Testa a testa doveva essere e testa a testa è stato. Proprio come ci si attendeva, le elezioni per il rinnovo del vertici del CNDCEC, tenutesi nel pomeriggio di ieri, si sono rivelate una corsa all’ultimo voto, con i due candidati, Claudio Siciliotti, Presidente uscente, e Gerardo Longobardi, Presidente dell’ODCEC di Roma, divisi da una manciata di preferenze.

Sei per l’esattezza. Queste le lunghezze che, stando ai risultati già in possesso di entrambe le compagini, sembrerebbero al momento dividere la lista Longobardi da quella Siciliotti. Su 740 voti esprimibili (per le modalità di assegnazione delle preferenze si veda “Oggi si vota per il rinnovo del CNDCEC” di ieri), 364 sarebbero andati alla lista guidata da Claudio Siciliotti, 358 a quella di Gerardo Longobardi,

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU