Chiudi senza accettare

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili ad avere un'esperienza di navigazione migliorata e funzionale al tipo di dispositivo utilizzato, secondo le finalità illustrate nella Cookie Policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, puoi farlo in qualsiasi momento selezionando Gestisci le preferenze.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 18 maggio 2022 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Immobili oggetto di sospensione degli sfratti, ricalcolo acconto dubbio

Sotto il profilo logico sistematico, si potrebbe ritenere che l’obbligo di rideterminazione abbia perso efficacia

/ Luca FORNERO

Mercoledì, 21 novembre 2012

x
STAMPA

download PDF download PDF

In sede di calcolo della seconda o unica rata degli acconti IRPEF/IRES, i proprietari degli immobili locati agli inquilini che possono beneficiare della sospensione legale degli sfratti (ai sensi dell’art. 1 del DL 158/2008, conv. L. 199/2008) devono porre particolare cautela all’obbligo di ricalcolo imposto dall’art. 2, comma 12-sexies del DL 225/2010 (si veda “Immobili vincolati e proroga degli sfratti impongono il ricalcolo degli acconti” del 30 maggio 2012).

Riepiloghiamo i termini della questione.
Per i citati proprietari, il reddito fondiario o d’impresa ritraibile dai suddetti fabbricati (ai sensi degli artt. 37 e 90 del TUIR) non concorre alla formazione del reddito imponibile IRPEF o IRES per tutta la durata della suddetta sospensione (vale a dire, ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU