X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 1 dicembre 2021 - Aggiornato alle 6.00

IMPRESA

Fallimento, bancarotta fraudolenta e causazione dolosa possono «concorrere»

Per la Cassazione, è da ammettere il concorso materiale tra i due reati

/ Maurizio MEOLI

Mercoledì, 21 novembre 2012

x
STAMPA

download PDF download PDF

Il reato di bancarotta fraudolenta “impropria” e quello di causazione dolosa del fallimento concernono ambiti diversi; tra di loro è da escludere il concorso “formale”, mentre è da ammettere quello “materiale”. Ad affermarlo è la Corte di Cassazione nella sentenza 19 novembre 2012 n. 45009.

In base al combinato disposto degli artt. 223, comma 1 e 216 del RD 267/42 (bancarotta fraudolenta), sono puniti con la reclusione da tre a dieci anni gli amministratori di società dichiarate fallite i quali hanno:
- distratto, occultato, dissimulato, distrutto o dissipato in tutto o in parte i beni sociali ovvero, allo scopo di recare pregiudizio ai creditori, esposto o riconosciuto passività inesistenti;
- sottratto, distrutto o falsificato, in tutto o in parte, con lo ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU