X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 27 ottobre 2021 - Aggiornato alle 6.00

IL CASO DEL GIORNO

Liquidazione società di persone «in bilico» sulle perdite

/ Lelio CACCIAPAGLIA e Roberto PROTANI

Giovedì, 22 novembre 2012

x
STAMPA

download PDF download PDF

La liquidazione delle società di persone, a seguito di una formulazione normativa piuttosto approssimativa, presenta numerose incognite mai affrontate ufficialmente in via interpretativa (si veda “Liquidazione società di persone con troppe incognite fiscali” del 13 novembre).

L’art. 182, comma 2 del TUIR dispone che se “Se la liquidazione si protrae oltre l’esercizio in cui ha avuto inizio, il reddito relativo alla residua frazione di tale esercizio e a ciascun successivo esercizio intermedio è determinato in via provvisoria in base al rispettivo bilancio, ovvero a norma dell’articolo 66 se ne ricorrono i presupposti, salvo conguaglio in base al bilancio finale”. Dunque, anche se la società è in contabilità semplificata, dovrà comunque predisporre ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU