Chiudi senza accettare

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili ad avere un'esperienza di navigazione migliorata e funzionale al tipo di dispositivo utilizzato, secondo le finalità illustrate nella Cookie Policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, puoi farlo in qualsiasi momento selezionando Gestisci le preferenze.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Venerdì, 1 luglio 2022 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Incognita redditometro per le imposte pagate

In quanto non sostenuta per acquisire beni o servizi, la spesa per pagare i tributi non dovrebbe essere utilizzata nel contesto del nuovo strumento

/ Antonio ZAPPI

Giovedì, 14 novembre 2013

x
STAMPA

download PDF download PDF

Anche dopo l’emanazione della circ. 31 luglio 2013 n. 24, continuano a persistere alcuni dubbi rimasti irrisolti relativi all’attuazione del nuovo redditometro, ovvero alle modalità di quantificazione del reddito sinteticamente accertabile che dal procedimento istruttorio potrà scaturire.

Come, infatti, ormai ben noto, la nuova struttura dell’art. 38 del DPR 600/73 contempla due tipologie di rettifica finalizzate alla determinazione sintetica del reddito:
- la prima, di tipo c.d. “spesometrico”, ovvero genericamente basata sulle “spese di qualsiasi genere”, ove si presume che alla capacità di spesa del contribuente corrisponda, al ricorrere di determinate circostanze, una capacità contributiva non dichiarata (comma 4);
- l’altra, fondata sul c.d. ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU