Chiudi senza accettare

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili ad avere un'esperienza di navigazione migliorata e funzionale al tipo di dispositivo utilizzato, secondo le finalità illustrate nella Cookie Policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, puoi farlo in qualsiasi momento selezionando Gestisci le preferenze.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 11 agosto 2022 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Per la rivalutazione dei beni d’impresa perizie non obbligatorie

Il ricorso ad esperti indipendenti è, però, consigliato per certificare i valori di beni privi di un vero e proprio valore di mercato

/ Gianluca ODETTO

Giovedì, 9 gennaio 2014

x
STAMPA

download PDF download PDF

Il nuovo provvedimento di rivalutazione dei beni d’impresa contenuto nella legge di stabilità 2014 impone agli amministratori delle società che intendono avvalersene alcune scelte in merito alle metodologie con le quali “certificare” i maggiori valori iscritti ed evitare contestazioni sia sul piano civilistico che su quello fiscale.

In generale, soprattutto nelle società di maggiori dimensioni, che espongono l’organo amministrativo a responsabilità potenzialmente più ampie, la scelta di affidare ad apposite perizie la misurazione del valore dei beni rappresenta la strada maggiormente seguita; va tuttavia ricordato che, a differenza di quanto previsto da altre normative, nell’ambito delle quali la perizia è obbligatoria (il pensiero va, naturalmente, alla rivalutazione ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU