Chiudi senza accettare

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili ad avere un'esperienza di navigazione migliorata e funzionale al tipo di dispositivo utilizzato, secondo le finalità illustrate nella Cookie Policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, puoi farlo in qualsiasi momento selezionando Gestisci le preferenze.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Venerdì, 30 settembre 2022 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Perdita su crediti deducibile se sono trasferiti tutti i rischi

Secondo il Consorzio studi e ricerche fiscali del Gruppo Intesa Sanpaolo, è quanto si desume dalla proposta di integrazione del «nuovo» OIC 15

/ Luca FORNERO

Giovedì, 27 febbraio 2014

x
STAMPA

download PDF download PDF

Con la circolare informativa n. 2 di ieri, 26 febbraio 2014, il Consorzio studi e ricerche fiscali del Gruppo Intesa Sanpaolo commenta organicamente le novità introdotte dalla L. 147/2013 (legge di stabilità 2014) in ordine alla disciplina delle svalutazioni e delle perdite su crediti. Costituiscono oggetto di esame sia le modifiche riguardanti tutte le imprese (analizzate nel prosieguo), sia quelle relative al settore bancario e assicurativo (approfondite in successivi interventi).

In particolare, riguardo a tutti i soggetti IRES, l’art. 101 comma 5 del TUIR (nella versione ora vigente) stabilisce che gli elementi certi e precisi, atti a fondare il diritto alla deducibilità della perdita in ipotesi diverse dalle procedure concorsuali, sussistono altresì in caso di cancellazione dei crediti ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU