Chiudi senza accettare

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili ad avere un'esperienza di navigazione migliorata e funzionale al tipo di dispositivo utilizzato, secondo le finalità illustrate nella Cookie Policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, puoi farlo in qualsiasi momento selezionando Gestisci le preferenze.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 30 giugno 2022 - Aggiornato alle 6.00

IMPRESA

Il PM deve provare il dolo di evasione

L’elemento soggettivo della dichiarazione infedele non può essere desunto da precedenti penali relativi alla medesima o ad analoghe fattispecie

/ Maurizio MEOLI

Martedì, 11 marzo 2014

x
STAMPA

download PDF download PDF

La Corte di Cassazione, nella sentenza 10 marzo 2014 n. 11380, fornisce interessanti precisazioni in merito ai rapporti tra processo tributario e penale-tributario ed alla prova del dolo specifico di evasione.

Il rappresentante legale di una spa veniva condannato, sia in primo grado che in appello, per la fattispecie di dichiarazione infedele (art. 4 del DLgs. 74/2000), ritenendosi che esso, al fine di evadere le imposte sui redditi e l’IVA, avesse indicato elementi passivi fittizi (con superamento delle soglie). L’imputato aveva inutilmente cercato di difendersi evidenziando come la documentazione mancante ed attestante la correttezza degli importi dedotti fosse irreperibile perché collocata in un immobile della società il cui tetto di amianto era crollato per infiltrazioni d’acqua.

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU