Chiudi senza accettare

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili ad avere un'esperienza di navigazione migliorata e funzionale al tipo di dispositivo utilizzato, secondo le finalità illustrate nella Cookie Policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, puoi farlo in qualsiasi momento selezionando Gestisci le preferenze.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 30 giugno 2022 - Aggiornato alle 6.00

IMPRESA

Omessi versamenti per mancanza di liquidità ancora sanzionati

La Cassazione continua a tenere una posizione di rigore, mentre maggiori aperture provengono dai giudici di merito

/ Maurizio MEOLI

Mercoledì, 2 aprile 2014

x
STAMPA

download PDF download PDF

In attesa che il Governo, in attuazione della “delega fiscale”, cancelli le fattispecie di omesso versamento (si veda “«Ritorno al passato» per il penale tributario abrogando le condotte omissive” del 17 marzo) – circostanza che, in base al principio generale di cui all’art. 2 comma 2 c.p. (favor rei), determinerà la non punibilità anche di chi abbia commesso il reato nel vigore delle fattispecie e la cessazione di esecuzione ed effetti penali delle condanne inflitte – continua ad emergere un diverso atteggiamento tra giurisprudenza di legittimità e di merito sulla rilevanza penale delle condotte omissive determinate da mancanza di liquidità.

La Cassazione, nella sentenza n. 14953 di ieri, ha affermato che, al di là della mancanza, nel caso di specie, della prova ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU