X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Domenica, 24 ottobre 2021

FISCO

IVA al 4% per i contratti «socio-sanitari» stipulati dalle cooperative nel 2013

Secondo l’Agenzia delle Entrate i chiarimenti di cui alla risoluzione n. 93/2013 devono essere estesi alla generalità delle cooperative

/ Emanuele GRECO

Lunedì, 19 maggio 2014

x
STAMPA

download PDF download PDF

Nella controversa vicenda relativa all’applicazione dell’aliquota IVA agevolata alle prestazioni “socio-sanitarie” rese dalle cooperative, è intervenuta nuovamente l’Agenzia delle Entrate con una risposta ad interpello (n. 954-87/2014 del 7 maggio 2014).

Secondo tale documento, l’aliquota IVA del 4% (soppressa con la legge di stabilità 2013 e poi ripristinata con la legge di stabilità 2014) si rende applicabile alla generalità delle cooperative (e non solo alle cooperative c.d. “sociali”), per le prestazioni “socio-sanitarie” rese in virtù di contratti di appalto e convenzioni stipulati nel 2013.

Facendo un passo indietro, si ricorda che con la legge di stabilità 2013 era stato abrogato il n. 41-bis) della Tabella A, Parte II, allegata ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU