X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Martedì, 28 settembre 2021 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Anche per l’immobile abitato dal coniuge dell’acquirente diritto di prelazione

La modifica al DL 47/2014 è stata apportata al Senato; tempi stringenti alla Camera per portare a termine la conversione in legge entro i termini

/ Stefano BARUZZI

Lunedì, 19 maggio 2014

x
STAMPA

download PDF download PDF

Nella seduta di venerdì scorso, si è complicato alla Camera l’iter del Ddl. di conversione del DL 47/2014 (c.d. “emergenza abitativa”).
Il Governo auspicava di portare a termine la conversione del decreto – che contiene, nella nuova versione approvata dal Senato, alcune significative disposizioni integrative della normativa sulla tutela dei diritti patrimoniali degli acquirenti di immobili da costruire, oggetto del DLgs. 122/2005 – in tempi brevi, anche in vista della sospensione dei lavori dell’Aula nella settimana antecedente alle elezioni europee. Venerdì scorso, però, il numero legale è mancato per diverse volte e questo ha portato Maria Elena Boschi, titolare del dicastero dei Rapporti con il Parlamento, a porre, a nome del Governo, la questione di fiducia. ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU