X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Martedì, 28 settembre 2021 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Acconto TASI pagato in ritardo, il MEF apre alla non applicazione di sanzioni

Data l’incertezza normativa sul versamento entro il 16 giugno, si ritiene che possa valere quanto disposto dallo Statuto dei diritti del contribuente

/ Luisa CORSO

Giovedì, 12 giugno 2014

x
STAMPA

download PDF download PDF

Nel corso del question time di ieri in Commissione Finanze alla Camera, rispondendo all’interrogazione a risposta immediata n. 5/02955, il Ministero dell’Economia e delle finanze ha sottolineato che, considerata la situazione di incertezza normativa che caratterizza il meccanismo di versamento della prima rata TASI, in scadenza il 16 giugno, possa trovare applicazione la norma dello Statuto dei diritti del contribuente in base alla quale non sono irrogate le sanzioni.

La risposta fa seguito alla richiesta di interventi di natura normativa o di prassi che prevedano la non applicazione di sanzioni e interessi per i pagamenti dell’acconto della TASI effettuati entro il 31 luglio 2014.

Al riguardo, richiamando quanto disposto ai fini TARES, il MEF ha dapprima precisato che, per ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU